POLIACCOPPIATI

Cosa differenziare:

I cartoni per bevande sono i tipici imballaggi poliaccoppiati poiché sono prodotti utilizzando diversi materiali. Alla carta di ottima qualità prodotta in foreste scandinave certificate dove il controllo della biodiversità dei boschi è attivo da 40 anni, è accoppiato il polietilene e l’alluminio di spessore 6 micron, il più sottile in commercio, che permette la protezione per lungo tempo del prodotto.

Attraverso la laminazione di questi componenti, senza uso di colle, si ottiene un imballaggio molto leggero, resistente e riciclabile che protegge il prodotto conservandone a lungo le proprietà alimentari.

I contenitori in poliaccoppiato sono:

· Contenitori per il latte (tetrapack).

· Contenitori per i succhi di frutta, spremute.

· Contenitori (non metallici) per la passata di pomodoro, legumi e simili.

· Contenitori per la panna.

· Contenitori per l’acqua.

La raccolta differenziata dei poliaccoppiati avviene nella campana BLU della raccolta multimateriale.

 

RIFIUTI ORGANICI

Attualmente a Milano la raccolta dell’organico è circoscritta solo ad alcuni quartieri. Leggi qui dove.

Cosa differenziare:

Nel sacchetto dell’organico si possono inserire:

– scarti di cucina vegetali e animali;

– bucce di frutta;

– gusci d’uovo;

– fondi di caffè e tè;

– stuzzicadenti e simili.

Inoltre vi si può inserire scarti di manutenzione di piccole aree verdi, come erba tagliata, piccoli rami, trucioli e cenere di legna.

 

OLI VEGETALI DA CUCINA

L’olio vegetale (incluso ad esempio l’olio del tonno e delle altre conserve) se immesso nella rete fognaria ostacola il buon funzionamento dei depuratori e stende un velo impermeabile sopra l’acqua. Con il corretto smaltimento può essere trasformato in materiali utili come farine vegetali e sapone.

Si raccoglie nelle apposite sedi.

CONSIGLIO: raccogliete l’olio vegetale usato in un contenitore piuttosto capiente ogni qual volta lo usiate, quando il contenitore sarà pieno consegnatelo ad un centro raccolta.

 

RIFIUTI URBANI PERICOLOSI

Tra i rifiuti che produciamo ci sono, molte volte, rifiuti che pur sembrandoci innocui sono altamente pericolosi poiché in fase di smaltimento possono rilasciare sostanze nocive. Questi prodotti, che  devono essere ASSOLUTAMENTE divisi dagli altri e raccolti negli appositi contenitori, includono:

PILE E BATTERIE ESAURITE

Le pile e le batterie delle auto possono contenere metalli altamente inquinanti come il cadmio, il cromo, il rame e lo zinco, ma soprattutto il mercurio che con un solo grammo può inquinare 1.000 litri di acqua.

Devono essere raccolte nei contenitori appositi presso i rivenditori delle stesse o spesso presso alcune catene di supermercati.

FARMACI SCADUTI

Si raccolgono in appositi contenitori presenti in tutte le farmacie.

TONER E INCHIOSTRI PER MACCHINE PER L’UFFICIO

I privati cittadini possono consegnarli in apposite sedi, ma esistono anche dei negozi di rivenditori che li ritirano.

 

OGNI ALTRO RIFIUTO INDIFFERENZIATO

Dopo una corretta differenzazione rimarranno solo poche cose che potremo raccogliere in un sacchetto, che provvederemo a sigillare bene e ad inserire nel sacco trasparente NEUTRO per la raccolta di tutto quanto non si può riciclare (indifferenziata).