Gariwo – Foresta dei Giusti nasce a Milano nel 1999 con lo scopo di accrescere la conoscenza e l’interesse verso le figure e le storie dei Giusti, tramite iniziative pubbliche, mezzi di comunicazione, sito internet e social network. Una delle sue Missioni è quella di costituire dei luoghi della memoria, ovvero delle piccole foreste in diverse parti del mondo, teatro di genocidi e stermini di massa. Queste foreste saranno formate da alberi che rappresenteranno simbolicamente i Giusti.

Vi è anche la volontà di assegnare dei premi a chi si sia distinto sul tema dei giusti, e l’esigenza di riflettere sull’esperienza del Giusto sui genocidi del ‘900.

Ma cosa si pensa quando si sente il termine Giusto?

Onesto, reale, sincero, vero, preciso, questi sono i sinonimi che si possono facilmente trovare, e che possono aprire nuove porte e nuovi significati. Ma oltre a questi vi sono altri sinonimi, sui quali vale la pena fermarsi un attimo a riflettere.

Meraviglioso, perfetto, straordinario.

Termini che sembrano allontanarsi dalla realtà terrestre per avvicinarsi ad una dimensione forse più astrale e lontana,  quasi ‘’santa’’.

Eppure non è così.

Un uomo che vive la sua esistenza in modo responsabile e civile, il suo tempo con consapevolezza e attenzione, che interagisce con la collettività sentendosi parte fondamentale di un ingranaggio, e che considera gli altri elementi essenziali per il suo funzionamento. Questo è un uomo giusto. Egli non appartiene ad un altro mondo, ma al nostro, alla nostra realtà e contemporaneità.

‘’Può diventare ‘giusto’ anche chi, una volta sola nella sua esistenza, in un unico giorno della sua vita, di fronte a un solo sopruso, a un solo uomo perseguitato, a una sola menzogna, ha il coraggio di rompere il conformismo e di compiere un solo atto di bene, di amore e di giustizia. Ciò che contraddistingue un atto di bene è il travaglio interiore e l’assunzione di responsabilità.E’ dunque una possibilità alla portata di tutti perché un gesto di solidarietà e di coraggio può illuminare l’esistenza di una persona […]. Non è necessario essere dei santi […] per compiere degli atti morali significativi’’

Gabriele Nissim, La bontà insensata. Il segreto degli uomini giusti, Mondadori, Milano

Quando parliamo uomini giusti ci riferiamo a uomini reali, non parliamo di santi o di messia, ma di uomini onesti, sinceri, che seguono la propria coscienza pur sapendo che comporta sacrifici e difficoltà. Il termine Giusto è tratto dal passo della Bibbia che afferma “chi salva una vita salva il mondo intero” ed è stato applicato per la prima volta in Israele in riferimento a coloro che hanno salvato gli ebrei durante la persecuzione nazista in Europa. In questa prospettiva opera Gariwo – Foresta dei Giusti.

Come possiamo entrare in contatto diretto con Gariwo?

Possiamo partecipare alla usa iniziativa, con la quale si chiede all’Unione Europea e al Consiglio d’Europa di istituire una giornata europea dedicata ai Giusti.

”Nella realtà violenta che ci circonda, ricordare l’azione dei Giusti, rendere omaggio al Bene, mostrare che ogni individuo, per quanto umile, può compiere il gesto che salva un altro essere umano, ha un immenso valore educativo”

Basta una firma, così da poter ricordare uomini e donne Giusti che hanno trasformato la loro esistenza in qualcos’altro.