E’ costellato di aforismi sul gioco di luci e ombre l’ ingresso di Artemide: “La bellezza non è nell’ oggetto, ma nell’ interazione di luce e ombra creata dall’ oggetto”. (J. Tanizaki)

Parole che comprendiamo profondamente solo alzando lo sguardo e trovandoci di fronte a stelle sospese:  le creazioni di Issey Miyake. Meravigliati e affascinati, ci addentriamo nel labirintico allestimento dello spazio, delimitato da parati immaginarie di luce e ombra.

“Vedendole, l’emozione è immediata: conoscendole, lo stupore e la meraviglia si mescolano alla consapevolezza di trovarsi di fronte a un futuro che pensavamo più lontano e non credevamo così bello”. Così Ernesto Gismondi, pilastro dell’ azienda presenta le luci che danno vita al progetto IN-EI ISSEY MIYAKE.

Issey Miyake trae ispirazione dalla precedente serie 132.5 e coniuga materiali tessili e tecnologia. Sbalorditiva la genialità di Miyake che, usando il suo estro come una bacchetta magica, trasforma leggi matematiche in arte.

 

 

Il progetto sottolinea la contrapposizione tra luce e ombra, effetto reso dalle pieghe distintive dell’artista che applica ad una collezione di lampade a sospensione, da tavolo e da terra. La plasticità, la solidità e la trasparenza sono rese attraverso l’ utilizzo di materiali riciclati che determinano incredibili sfumature luminose.

La raffinatezza, l’ eleganza, la geometricità e l’ inconfondibilità affermano ancora una volta la grandezza dell’ artista giapponese sublimando lo spazio Artemide.

 

Corso Monforte 19

Ornella e Viviana