Dove: Palazzo Clerici, Zona Brera.

Chi: curatore Massimo Banzi.

QUALCHE PAROLA A PROPOSITO DI ARDUINO.

Arduino, frutto del genio di Massimo Banzi, è un hardware corredato di software, economico ed accessibile a chiunque, completamente open source, utilizzato per lo sviluppo di oggetti interattivi. E’ utilizzato soprattutto da designer, artisti e, più in generale, creativi per le sue capacità di relazionarsi con il mondo esterno attraverso sensori utili per la realizzazione di oggetti ed opere interattivi. All’interno dell’esposizione The Future In The Making – Open Design Archipelago, nella sezione The Best of Arduino sono esposte le idee più creative ed originali che ne sfruttano le potenzialità. Noi portiamo alla vostra attenzione tre esempi significativi.

ARDUPILOT.

ArduPilot è un progetto compatibile con Arduino a cura di Diy Drone, la community di Chris Anderson. Si tratta del primo pilota automatico universalmente compatibile al mondo. Può essere integrato con tutti i tipi di aerei, elicotteri e veicoli di superficie telecomandati. Di ArduPilot esistono due varianti: ArduPlane (per aerei di ogni tipo) e ArduCopter (per elicotteri e simili). Se siete curiosi date un’occhiata a questo video.

STAMPANTI 3-D OPEN SOURCE.

Grazie alla tecnologia RepRap,una stampante 3d in formato desktop la cui mente pensante è Arduino, si può stampare praticamente qualsiasi oggetto tridimensionale. Si parte da un filo di materiale polimerico che viene inserito nella stampante, sciolto e, strato dopo strato, depositato per creare un oggetto. Chiunque sia interessato può scaricare gratuitamente le istruzioni per la costruzione di una stampate 3d dal sito, mentre il software è gratuito ed Opensource. Questo significa che un programmatore può liberamente decidere di modificarlo e migliorarlo, può addirittura rivenderlo. Reprap consente di rendere accessibile a tutti una tecnologia già esistente, ma molto costosa. Per capire quale sia la portata di questa invenzione basti pensare che, una volta costruita, una Reprap è in grado può auto-replicarsi ristampando i propri componenti uno alla volta.

Makerbot Industries è una ditta NewYorkese di Brooklin. Sfruttando la tecnologia Reprap, Bre Pettis, Adam Mayer  e Zach “Hoeken” Smith producono e vendono stampanti 3d open source già assemblate e pronte all’utilizzo. Makerbot nasce dagli allori del RepRap Project, rendendo accessibile a tutti, soprattutto ai non addetti ai lavori in termini di programmazione e manualità, la tecnologia delle stampanti 3d in formato desktop, mantenendo dei prezzi incredibilmente vantaggiosi rispetto alle grosse stampanti 3d professionali utilizzate a livello industriale.

Makerbot è anche usata in maniera alternativa da alcuni ragazzi di Fablab. Grazie all’uso di siringhe da pasticceria, sostituendo la cioccolata alla plastica, hanno messo appunto una stampante 3d per realizzare dolci.

ARDUINO GSM SHIELD.

Come molti visitatori anche noi, aggirandoci tra le sale dell’esposizione, siamo stati attratti dai led colorati di un oggetto che portava la scritta: “scrivi un sms al 3701204105 per controllare il colore della luce”. Inutile dirlo, abbiamo subito provato e il risultato è stato positivo. La luce da blu è diventata viola. Arduino, una volta ricevuto l’sms, comunica via cavo ai led quale colore assumere.

Questi erano alcuni dei tanti esempi esposti, che mettono in mostra le infinite potenzialità di Arduino. Lasciatecelo dire: we love Arduino!

Mobile: per tutte le foto del FuoriSalone cercateci su Instagram

@mp_fuorisalone2012

Mattia Cossi e Perla Sardella