Arriva un’altra iniziativa che rende Milano sempre più a portata di bici. Si chiama BikeDistrict, ed è una vera e propria fonte di informazione per i ciclisti. E’ nato dall’idea di tre ciclisti doc Davide Bloise (legale), Marco Quaggiotto (docente al Politecnico di Milano) e Sebastiano Scacchetti (ingegnere del territorio).

Tutti e tre non posseggono la macchina e l’unico mezzo che usano è la bicicletta. Hanno fatto di BikeDistrict non solo un servizio utilissimo ma soprattutto semplice. Basta inserire la via di partenza e la destinazione, per aver calcolato il percorso in base a diverse necessità. Il sito traccia un percorso in cui viene indicata la distanza, divisa per metri di pista ciclabile, strada accidenta o scorrevole, tempo stimato, numero di semafori.

Sulla mappa vi sono inoltre evidenziati i tratti del percorso con diversi colori, ognuno dei quali indica la condizione dell’asfalto. Il verde simboleggia la presenza di piste ciclabili o di asfalto ben curato, il rosso la presenza di pavé, ciottolati, strade trafficate, ecc. Dunque il servizio si adatta a qualsiasi tipo di ciclista/utente, proponendo percorsi ciclabili, diretti, o sicuri.

I tre ideatori adesso stanno lavorando sulla nuova versione mobile, che permetterà di geolocalizzare la posizione del ciclista per utilizzarla come punto di partenza del tragitto. In questo modo si potranno anche tracciare le arterie urbane più battute dai ciclisti, così da avere una mappa precisa e aggiornata in tempo reale.

Presto questa versione mobile si trasformerà in app per Android e iPhone. La realizzazione del progetto è stata possibile anche grazie alla collaborazione del Comune di Milano, grazie ai dati dell’Amat e dell’Agenzia ambiente mobilità e territorio. Inoltre BikeDistrict fornisce informazioni aggiornate in tempo reale sulla presenza di punti BikeMi, individuando quello più vicino e con mezzi disponibili.