Quello che era soltanto un’esortazione nei primi giorni di settembre, adesso è diventato un divieto vero  e proprio. A Milano non si potrà più fumare nei parchi, nelle zone dedicate ai bambini.

Attualmente i parchi coinvolti non sono ancora tutti, ma è nelle intenzioni del Comune. L’annuncio era già stato dato dal Comune di Milano lo scorso 31 maggio, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, per volontà degli assessori Pierfrancesco Maran e Pierfrancesco Majorino.

I primi parchi vietati al fumo sono stati quelli di Monte Merlo e bar Bianco ai Giardini Montanelli (Zona 1), via Boves (Zona 3), via Gonzales Nervesa (Zona 4), parco Baravalle (Zona 5), via Cascina Bianca (Zona 6), via degli Ulivi (Zona 7),s parco Pallavicino (Zona 8).

Questa direttiva rientra in un progetto molto ampio che il Comune sta attuando. Infatti è stato approvato il Piano di sviluppo del Welfare, per riorganizzare le politiche sociali della città. Fra i punti cardini del progetto, oltre ad esserci la promozione dei diritti di tutte le persone, vi sono la valorizzazione delle risorse della città e la capacità di leggere i bisogni della città definendo le priorità.