Visions Feat. Cotton Made in Africa è il titolo della mostra fotografica che è possibile visitare dal 14 settembre 2012 al 6 gennaio 2013 presso la Casa della Fotografia di Amburgo. La mostra è a cura di Albert Watson, fotografo scozzese noto per i suoi lavori internazionali nel campo della moda e dell’arte. Questa volta Albert Watson ha affrontato un viaggio in Africa, in particolare nella Repubblica del Benin dove Aid by Trade Foundation sta portando avanti un ammirevole progetto di cooperazione internazionale.

Cotton Made in Africa è infatti l’iniziativa volta a migliorare le condizioni di vita dei produttori di cotone e delle loro famiglie, oltre che a contribuire alla salvaguardia dell’ambiente, promuovendo metodi sostenibili di coltivazione. Ma cosa c’entrano le foto con il cotone prodotto in Africa? Albert Watson ha voluto andare a vedere e toccare con mano gli sviluppi del progetto. Ha voluto immortalare il lavoro di migliaia di agricoltori africani – al progetto partecipa una folta comunità di agricoltori locali provenienti dal Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Malawi, Mozambico e Zambia- mostrando le attività che svolgono quotidianamente. Si tratta di popolazioni molto povere, che stanno partecipando a questo progetto con molto entusiasmo, e Albert Watson è riuscito a trasmettere attraverso i suoi scatti “l’energia e la gioia di vivere di questa gente”.

Aid by Trade non si sta solo occupando di educare a metodi di coltivazione più sostenibilie, sta anche sviluppando partnership con aziende tessili sparse in tutto il mondo, creando una rete commerciale per vendere e lavorare il cotone. Lo scopo è quello di sviluppare una filiera interamente sostenibile, dalla materia prima al prodotto finale, e di creare un vero e proprio brand all’insegna della sostenibilità ambientale ed economica, da lanciare nel mercato mondiale.

Ecco perché Albert Watson ha sentito la necessità di divulgare questo progetto. Con i suoi scatti vuole far conoscere al resto del mondo il progetto Cotton Made in Africa e mostrare la forza e determinazione degli agricoltori africani. La mostra fotografica è un pretesto per mostrare oltre a volti e paesaggi, la possibilità di  unire protezione ambientale, solidarietà e arte.