Riutilizzare materiali di scarto per abitare sostenibilmente. La 94ima edizione del Macef, il Salone Internazionale della Casa che si svolge a Milano dal 24 al 27 gennaio, propone anche quest’anno il tema della “casa green”.

“Storie di cose sostenibili” è lo stand interamente dedicato al rapporto tra design e ambiente. Attraverso percorsi creativi di artisti, designer e aziende, vengono proposte soluzioni innovative per vivere una casa più “green”. Quest’anno la sezione verde della fiera, dove rifiuti e riuso fanno da protagonisti, è stata organizzata in collaborazione con BEST UP, il primo circuito per la promozione dell’abitare sostenibile.

Tutto si può riutilizzare, dal cartone con cui Giorgio Caporaso realizza componenti d’arredo, al legno dei mobili ecologici per bambini di Flowerssori.

Art Design Factory trasforma i prodotti di scarto, provenienti da cantieri edili e produzioni meccaniche, in inusuali gioielli e oggetti da tavola; accostando i materiali più diversi come legno d’ulivo e acciaio.

Non solo riutilizzare materiali di scarto, ma anche allungare il ciclo di vita di un oggetto può portare a creative soluzioni eco-compatibili per la casa. È il caso di ORAdesign, che lavorando e arricchendo oggetti vecchi o rotti, propone oggetti d’arredo artigianali e molto creativi.

Anche la tecnologia dà il suo contributo all’abitare sostenibile. InSinkErator propone infatti un piccolo elettrodomestico in grado di trasformare i rifiuti organici domestici in piccole particelle smaltibili nel lavello.

La voglia di vivere in armonia con l’ambiente e di trasformare la natura in un’esperienza abitativa emerge anche nella sezione “Home Garden”. Nell’area dedicata all’outdoor infatti è stato allestito un boschetto per offrire ai visitatori un’oasi di tranquillità, per suscitare emozioni all’interno della caotica fiera. Il percorso ideato dal designer Angelo Grassi, conduce tra gli alberi a un bio-laghetto con acqua a fitodepurazione e meravigliose piante acquatiche.