Dopo il terremoto in Emilia del 2012, si ricostruisce secondo i principi di sostenibilità ambientale. Uno dei primi pensieri è stato da subito quello di guardare avanti, di garantire un futuro alle nuove generazione, alle città e all’Emilia stessa. Ecco perché è stata ricostruita in tempo record una nuova scuola, in sostituzione alla scuola media Dante Alighieri di Sant’Agostino, in provincia di Ferrara, distrutta dalle scosse e inagibile dal 20 maggio 2012.

La nuova ScuolaEnergyPiù è la prima scuola media antisismica costruita secondo due criteri fondamentali: rispetto dell’ambiente e massima resistenza ai fenomeni sismici. Primo nel suo genere, produce più energia di quanta ne consumi, l’edificio ha ottenuto la pre-certificazione “ClimAbita Superior” da parte della Fondazione ClimAbita, che ne attesta l’alta efficienza energetica.

Gli elevati standard di efficienza energetica che vanta la nuova struttura, comportano infatti un fabbisogno energetico di soli 29,6 Kwh/mq annui. Questo grazie all’isolamento termico del tetto e delle pareti, oltre che all’impianto fotovoltaico tecnologicamente all’avanguardia posizionato sul tetto dell’edificio. I pannelli fotovoltaici forniscono energia elettrica, riscaldamento a terra e alimentano un impianto di circolazione dell’aria (utile per garantire una salubrità degli ambienti).

Le aule e la palestra sono disposti in modo da ottenere più luce naturale possibile e una particolare attenzione è stata dedicata anche al colore delle pareti, per garantire maggiore serenità degli spazi. Non poteva mancare il contatto con la natura, pertanto il giardino della scuola ospita un orto, che verrà utilizzato come laboratorio verde. Anche il contesto urbano che sorgerà intorno alla scuola è progettato pensando a servizi realmente sostenibili sia per gli studenti che gli abitanti del quartiere.

L’intero progetto è stato finanziato da Mediafriends Onlus in collaborazione con il Tg5, il Resto del Carlino e l’associazione RiLAQUILA, grazie a una raccolta fondi in cui sono stati raccolti oltre tre milioni di euro.

Video di Wolf Haus, l’azienda altoatesina che si è occupata della costruzione dell’edificio secondo i più innovativi sistemi tecnologici.