Dopo l’intervento di riqualificazione della High Line, a New York si ricominciano ad ideare, progettare e proporre nuove soluzioni che coinvolgano la Pennsylvania Station e il Madison Square Garden, grazie al concorso lanciato dal Municipal Art Society di New York, associazione che ha come mission  quella di rendere la città di New York un posto più vivibile. L’attuale Penn Station infatti è stata costruita cinquant’anni fa per ospitare circa 200mila passeggeri al giorno, numero che ad oggi è salito a 640mila! Pertanto il Municipal Art Society ha promosso un concorso che ha visto la recente presentazione di quattro nuovi progetti, tanto ambiziosi quanto futuristici, ideati da diversi studi di architetti.

Il progetto di SHoP Architects propone di espandere l’ingresso della stazione trasformandolo in un’area molto più spaziosa e luminosa, circondata da parchi e attività commerciali. Inoltre un intervento di estensione della High Line permetterebbe il collegamento della stazione con un nuovissimo Madison Square Garden, che sostituirebbe l’attuale stadio che sorge sopra la stazione.

SHoP Architects project

SHoP Architects project

Altri architetti Skidmore, Owings & Merrill LLP (SOM) hanno presentato invece una nuova Penn Station fatta di vetrate e coperta da una cupola rovesciata in grado di ospitare su più livelli aree verdi, uffici e appartamenti.

SOM projects

SOM projects

SOM projects

Diller Scofidio + Renfro suggeriscono di sposare il Madison Square Garden sulla Eighth Avenue e ampliare la Penn Station verso l’alto per includere nuovi servizi come un teatro e un centro benessere.

DS+R project

DS+R project

Anche per lo studio H3 Hardy Collaboration Architecture il Madison Square Garden va riposizionato: su una piattaforma di 16 ettari nel fiume Hudson, creando un collegamento con piste ciclo-pedonali e un nuovo parco di circa 65mila metri quadrati.

H3 project

H3 project

Tutti e quattro i progetti presentati sono affascinanti e hanno tre punti in comune: lo spostamento dello stadio, uno sviluppo verso l’alto della stazione e nuove aree verdi. Staremo a vedere come si trasformerà in futuro quest’area metropolitana e se il progetto renderà davvero New York una città più vivibile!