In linea con le smart cities, anche le metropolitane del futuro saranno intelligenti: ci caricheranno lo smartphone e regoleranno l’illuminazione, il vento e la temperatura, in base alla quantità di persone in transito. Questi solo alcuni dei vantaggi dell’innovativo sistema di risparmio energetico Seam4Us – Sustainable Energy Management for Underground Stations – progettato da Cofely, brand dell’efficienza energetica in Italia e leader in Europa.

Il progetto è ancora in fase di studio e verrà implementato a Barcellona allo scopo di ridurre i consumi energetici delle stazioni metropolitane. Pensate alle luci sempre accese, alla ventilazione per raffreddare impianti e ambiente e alle scale mobili sempre in movimento: un enorme consumo di energia per ciascuna stazione! Secondo i calcoli di Cofely, utilizzando Seam4Us si prevede un risparmio energetico compreso tra il 5% e il 15% per stazione, considerando le linee metropolitane di Barcellona, un risparmio del 5% corrisponderebbe alla quantità di energia consumata in un anno da ben 700 abitazioni.

Un bel risparmio di energia e quindi anche di consumi e di soldi, adottando qualche tecnologia in più per la gestione degli impianti della metropolitana. Ecco le principali innovazioni del sistema Seam4Us.

Illuminazione –  Rigorosamente a Led e controllata dalle telecamere installate in banchina: quando viene registrato un grande flusso di persone, ad esempio nelle ore di punta, l’illuminazione si abbassa, mentre se ci sono poche persone, per questioni di sicurezza le luci diventano più intense. In questo modo le luci si regolano automaticamente, evitando consumi inutili.

Ventilazione – Gli  impianti di ventilazione  presenti in ogni stazione vengono allineati con degli anemometri che raccolgono i dati su temperatura, umidità interna alla stazione e forza del vento. Così quando ci sono giornate fresche e ventose, diminuisce la velocità dei ventilatori in metropolitana, con conseguente risparmio energetico.

Dati – Per controllare l’intero sistema ferroviario e migliorarne i consumi, bisogna partire dall’analisi dei dati raccolti grazie ad appositi sensori wireless che utilizzano software in grado di monitorare il flusso delle persone, la densità e la qualità dell’aria. In base ai valori registrati da ciascuna stazione, vengono automaticamente regolati altri parametri come per esempio la temperatura: il calore prodotto da una grande massa di persone fa aumentare la temperatura e pertanto non è necessario consumare energia per riscaldare le stazioni durante le ore di punta.

Passeggeri – I passeggeri vengono coinvolti in questo progetto di risparmio energetico e invitati a consumare di meno con il proprio comportamento! Quando le persone arrivano in prossimità delle scale, un sistema è in grado di comunicare che salendo a piedi anziché con le scale mobili si risparmia l’energia equivalente alla ricarica di uno smartphone. Se si sceglie di usare l’energia delle proprie gambe, la metropolitana smart caricherà l’energia risparmiata sulla batteria del telefono cellulare del passeggero!

Seam4Us  è un piano sperimentale messo a punto da Cofely, parte del Gruppo Gdf Suez, e sviluppato con la collaborazione dell’ Università Politecnica delle Marche e altri partner europei tra cui Italia, Spagna, Germania, Olanda, Finlandia e Svezia. Il progetto, che mira a rendere le stazioni delle metro più sostenibili e ad ottimizzarne i consumi d’energia, è finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del VII Programma Quadro 2011 e  Ict – Energy Efficient Technology.