Passeggiando per le strade di un paese di montagna vi sarà sicuramente capitato di notare ordinate cataste di legna vicino alle abitazioni. Sono le scorte di legna da ardere per riscaldare le case durante l’inverno che però, oltre ad avere la loro utilità, spesso fungono anche da decorazioni, colorando con tutte le gradazioni calde del legno, le vie dei centri abitati.

Dei piccoli capolavori che hanno ispirato un gruppo di artisti a esaltare ed interpretare questa secolare tradizione di vita quotidiana. Ecco come sono nate le “Cataste&Canzèi” –dal dialetto trentino- di Mezzano, comune in provincia di Trento entrato a far parte dal 2010 tra “I borghi più belli d’Italia”.

Si tratta di un’installazione permanente composta da un itinerario che, toccando i punti più caratteristici del paese, affronta cinque tematiche rurali: il sistema dell’acqua, l’architettura, le iscrizioni, i dipinti e gli orti.

Ecco le immagini di alcuni passaggi dell’itinerario “Cataste&Canzèi” che unisce arte, natura e bellissimi panorami.