Mostra interattiva “GLI ALTRI SIAMO NOI”

spazio Stecca – Via G.di Castiglia 26 – Quartiere Isola, Milano

Torna “Gli altri siamo noi” mostra interattiva sui pregiudizi organizzata dall’associazione Casa per la Pace.

La mostra interattiva “GLI ALTRI SIAMO NOI” è stata concepita come un circuito di attività, fumetti, indovinelli, cose da osservare da fare e da provare, che portano al visitatore a riconoscere e a confrontarsi con alcuni meccanismi legati all’incontro con chi è diverso da noi: lo stereotipo, il pregiudizio, la discriminazione e il capro espiatorio sono alcuni dei temi affrontati.

L’iniziativa vuole essere un contributo alla diffusione della cultura della tolleranza, del rispetto e dell’apertura che renda possibile una migliore convivenza con le “diverse diversità” con cui sempre più siamo chiamati a misurarci.

Più che dare risposte l’obiettivo è quello di sollevare domande secondo l’idea che educare alla pace vuol dire spingere a pensare con la propria testa più che suggerire cosa pensare. L’idea originale della mostra interattiva è olandese, ed è stata tradotta ed adattata alla realtà italiana dall’associazione PACE & DINTORNI (Milano). Pensata per ragazzi e ragazze da 9 a 14 anni, la mostra è  visitabile anche dagli adulti.

I ragazzi/e iniziano il percorso  visualizzando una breve videocassetta introduttiva. In seguito il gruppo si divide a coppie e ogni partecipante riceve un passaporto nel quale potranno scrivere le scoperte e i loro punti di vista. Il passaporto dunque non serve solo come manuale per seguire il percorso, ma anche come quaderno di note che potrà essere utilizzato posteriormente a scuola.

Infine, ogni insegnante riceverà il “Manuale per educatori” con proposte di attività didattiche per dare continuità agli argomenti nelle diverse materie. Un gruppo di circa 20 ragazzi/e realizza il percorso in due ore di tempo.

OTTO ARGOMENTI

LE   APPARENZE   INGANNANO

Gli alunni scoprono che la realtà a volte è diversa da quello che sembra. Cominciano a rendersi conto del fatto che la loro percezione è selettiva, che spesso giudicano troppo in fretta e che comunque ognuno/a di loro osserva le cose in modo diverso dai propri compagni.

VERO  O FALSO?

Cosa è vero e cosa è falso? Sono tondi tutti i palloni? Quelli di rugby non lo sono! Questa attività spinge i bambini a non accettare tutto senza riflettere e a porre e porsi delle domande.

FATTO OD OPINIONE

“Rosso è un colore” è un FATTO. “Il rosso è bello” è un’OPINIONE.  In questa sezione si cerca di far sì che i bambini imparino a distinguere fra fatti ed opinioni. Le risposte corrette producono una cifra che apre un lucchetto a combinazione. In questo modo accediamo alle sezioni dove la “diversità” può essere un problema.

TUTTI  TRANNE  ME

“Dicono che tutti i cinesi siamo uguali, ma io non assomiglio neanche mia sorella!” Questo ed altri esempi servono a introdurci nella natura delle  generalizzazioni come meccanismo rischioso..

PREGIUDIZI

“Le donne non sanno guidare” “i disabili non possono praticare sport” “I poveri sono pigri”… I pregiudizi oltre a ferire le persone, sono falsi, e spesso lo so può dimostrare. Queste attività mostrano il meccanismo del pregiudizio e come lo si può affrontare.

IL CAPRO ESPIATORIO

Il “bullo”, il “peccorone” e il “capro espiatorio” parlano di se. In questo modo ci avviciniamo al fenomeno, e i bambini hanno la possibilità di riconoscersi all’interno della dinamica.

DISCRIMINAZIONE

Qui vediamo dove ci conducono le GENERALIZZAZIONI e i PREGIUDIZI.  L’analisi di articoli di giornali ci permettono di capire le cause del fenomeno sociale. E alcuni specchi ci aiuteranno a “metterci nei panni” di altre persone.

I GIORNALISTI

Alla fine i ragazzi diventano giornalisti. Scrivere storie, articoli, poemi…per il giornale della scuola o del quartiere è un modo per assimilare l’esperienza. Queste ed altre proposte permettono di dare continuità al percorso, in classe.

 

MODALITA’ E TEMPI DI VISITA 

La mostra sarà visitabile, su prenotazione, a GENNAIO 2014 presso lo spazio Stecca (Via G.di Castiglia 26. Qre. Isola) in  differenti orari di mattina. I genitori ed il pubblico potrà visitare la mostra nei sabati 18/25 genn e 1 febb  dalle 16 alle 18.

 

COSTI
La visita per ogni classe ha un costo di 3,00 euro a studente e comprende l’animazione, il passaporto per ogni studente, il manuale didattico e la formazione per gli insegnanti. (non comprende il trasporto fino alla sede della mostra)

E’ previsto un incontro formativo di due ore (obbligatorio per insegnanti che porteranno le proprie classi), dove verrà consegnato del materiale didattico.

Per info: Casa per la Pace Milano. Via Marco D’Agrate 11.   20139 Milano

3661591748

mail: info@casaperlapacemilano.it
www.casaperlapacemilano.it