Avete mai sentito parlare di Pet Therapy? Si tratta di una terapia “dolce” basata sull’interazione tra uomo e animale. Viene utilizzata con pazienti che hanno patologie comportamentali, psicosociali e psicologico-emotive. Spesso infatti, se il paziente non dimostra collaborazione spontanea, la presenza di un animale permette di creare un nuovo canale di comunicazione.

E se fossero gli animali ad essere malati e ad aver bisogno di aiuto? Ecco che si ricorre a una Pet Therapy a ruoli invertiti, dove i veri protagonisti sono i bambini! Si potrebbe chiamare “Child Therapy” quella sperimentata in Pennsylvania dal Animal Rescue Legue di Berks County, allo scopo di curare i gatti randagi traumatizzati e problematici, accolti dal ricovero dell’associazione.

Proprio così, si tratta di una lettura curativa: i bambini entrano in una stanza con dei gatti spaventati e spaesati, che rifiutano la vicinanza dell’uomo, e iniziano a leggere a voce alta dei racconti. La voce dei bambini crea spontaneamente un legame di fiducia con i gatti che acquistano più sicurezza, permettono di farsi curare e possono venire così adottati.

Se vi sembra una sciocchezza che dei bambini leggano dei racconti a dei gatti, guardate queste immagini scattate durante la “lettura curativa”, e non occorreranno altre spiegazioni!