DOVE: zona Ventura Lambrate-via dei Canzi

In via dei Canzi, zona Ventura Lambrate viene allestita e presentata una creativa e innovativa esposizione intitolata Interactive objects. Nove gruppi di studenti della School of Design della città tedesca di Magonza, collaborando con artigiani qualificati e partner industriali, hanno sviluppato le loro idee di “oggetti interattivi” creando mobili che entrano in contatto con l’utente. Ma per quali situazioni abbiamo bisogno di prodotti interattivi?

24HRS LIGHT

Di quante lampade abbiamo veramente bisogno? Una lampada per un intero giorno è possibile? Queste sono le domande che si pongono le ideatrici Franziska Schmidt e Lisa Mueller a cui hanno risposto creando 24hrs light, una lampada mobile senza cavi e pulsanti. Come funziona? L’energia elettrica è fornita da un gancio. Basterà portare con voi la lampada e avrete luce ogni volta che ne avete bisogno e in base alle vostre esigenze: alla scrivania può diventare una luce brillante utile per lo studio o il lavoro, mentre in camera da letto alla sera può trasformarsi in una luce soffusa utile per la lettura di un libro.

24 HRS LIGHT designed by Franzisca Schmidt and Lisa Mueller

24HRS LIGHT designed by Franzisca Schmidt and Lisa Mueller

BEATSPOT

Il prodotto interattivo che sicuramente mi ha colpito di più è questa panchina. L’idea è nata dall’osservazione di Claudia Dolbniak e Silvia Saure di un luogo pubblico. Hanno notato infatti che spesso la gente esita a sedersi su panchine dove qualcun altro è già seduto, ma in contrasto con questo la musica in uno spazio pubblico ha l’effetto opposto, stimola e anima le persone. Per questo le due designers hanno creato una panchina che diffonde musica nel momento in cui una persona si siede. Beatspot crea dunque un luogo in cui le persone suonano musica insieme, costituendo una band, entrano in contatto con loro e interagiscono in modo divertente e giocoso.

Beatspot designed by Claudia Dolbniak and Silvia Saure


TU LUZ

TU LUZ (la tua luce) è l’idea nata dalle designers Stephanie Brenken e Viola Kressman e consiste in un muro formato da diversi interruttori che funzionano individualmente, creando effetti di luce diversi. Infatti ogni quadrato può essere inclinato verso l’alto o verso il basso, realizzando effetti di luce in base al nostro stato d’animo e alla nostra necessità.

TU LUZ designed by Stephanie Brenken and Viola Kressmann

Scritta CHOME(temporary) nella parete interattiva TU LUZ

SMALL TALK

Small talk si presenta come una nuova forma di comunicazione. Le designers Julien Schaab e Anna Hagel hanno creato un guardaroba interattivo che riproduce un vostro messaggio vocale alle persone con cui vivete, non appena appenderanno il cappotto. Il post-it ormai è così old!

SMALL TALK designed by Julien Schaab and Anna Hagel

SMALL TALK designed by Julien Schaab and Anna Hagel

SPIEGLEIN, SPIEGLEIN…

Attraverso questa creazione ideata da Francesca Mueller e Lisa Bader lavarsi i denti sarà un’azione quotidiana molto più divertente. Infatti nel prendere lo spazzolino dal bicchiere, appariranno cerchi di luce colorati che indicheranno il tempo di spazzolamento. La luce ha bisogno esattamente di tre minuti per compiere un giro intero, dopodiché lo spazzolatore più paziente verrà premiato con una breve visualizzazione di colori.

SPIEGLEIN, SPIEGLEIN... designed by Francesca Mueller and Lisa Bader

LIGHT UP THE WOOD

Light up the wood è un pavimento interattivo creato da Sophia Bischoping e Laura Pausinger. La pressione esercitata dai passi degli utenti innesca LED distribuiti su tutta la superficie che in base all’interazione possono essere modificati per creare diverse atmosfere di luce. Più persone si riuniscono, più luminoso sarà l’effetto. La piattaforma è apparentemente rigida, ma in realtà si adatta al piede quando si appoggia.

LIGHT UP THE WOOD designed by Sophia Bischoping and Laura Pausinger

LIGHT UP THE WOOD designed by Sophia Bischoping and Laura Pausinger

Martina Casagrande