Dove: Università Statale – via Festa del Perdono 7

In corrispondenza dell’ingresso principale, Oluce e Martino Berghinz propongono un’installazione, ispirata dalle conformazioni della natura, che utilizza le lampade della collezione.

L’allestimento si compone di due opere a terra e due a sospensione.

Le opere a terra sono le Atollo di Vico Magistretti, che vengono qui aggregate per diventare gli atomi di una struttura molecolare, e le lampade Pascal – sempre di Magistretti – che aggregate definiscono un piano luminoso dive si intrecciano funzionalità e simbolismi.

Le opere a sospensione (con sorgente Led) sono le Kin di Francesco Rota, assemblate in modo da descrivere tre cerchi concentrici su livelli differenti, e le Lys di AngelettiRuzza che diventano qui una spirale discendente.

Valentina Virgilio