Specchi, luci e colori sono le peculiarità che accomunano i concetti di “definito”, “finito” e “infinito” nella rappresentazione artistica di Daniel Buren. L’ultima installazione dell’artista francese s’intitola infatti Défini, Fini, Infini ed è possibile ammirarla sul tetto del La Cité Radieuse di Marsiglia, lo spazio d’arte disegnato dall’architetto Le Corbusier.

Buren ha installato una serie di sette opere inedite, sparse su tutto il tetto dell’edificio, richiamando forme geometriche perfettamente in linea con la costruzione degli anni ’50.

La grande finestra sul tetto è stata coperta con lastre traslucide multicolori, e sezioni di vetrate rosse e blu. Di notte, la luce attraversa la finestra colorata riflettendosi sulle superfici specchiate circostanti.

Una fila di pannelli angolati si alternano lungo un bordo del tetto: le sezioni rivolte verso l’alto sono specchiate per riflettere il cielo, mentre le superfici rivolte verso il basso sono colorate a scacchi neri, bianchi e rossi.

Infine, una serie di pareti a specchio circondano la base del camino centrale, riflettendo le installazioni circostanti.

L’installazione è in esposizione fino al 30 settembre, per informazioni visitate il sito ufficiale de La Cité Radieuse.