Per i ciclisti urbani settembre inizia con una gran bella novità: è in arrivo la prima bicicletta al mondo che non si può rubare! “World’s first unstealable bike” è infatti lo slogan di Yerka, il primo prototipo di “bicicletta antifurto” disegnata da Andres Roi Eggers, Cristobal Cabello e Juan Josè Monsalve; tre giovani studenti di ingegneria cileni.

Chi usa la bicicletta per i propri spostamenti in città sa bene quanto il furto di biciclette sia una piaga che esiste da sempre, ma che forse negli ultimi anni sta considerevolmente peggiorando. In Italia per esempio, vengono rubate ogni anno circa 320000 biciclette su circa 4 milioni di bici in circolazione, creando un danno pari a 150 milioni di euro!

Abbiamo scoperto Brompton Juction, la bicicletta di design, leggera e pieghevole che si può portare ovunque, quindi anche in casa o in ufficio, senza correre il rischio di legarla a un palo e non ritrovarla più!

Per chi utilizza la tradizionale bicicletta valgono sempre le regole suggerite dagli Urban Bike Massanger “per non farsi rubare la bicicletta”, trucchi ingegnosi che possono aiutare molto, anche se oramai i ladri sembrano poter aprire qualsiasi tipo di lucchetto!

Ecco perché Yerka è la prima bicicletta che non ha bisogno di lucchetti, perché è il telaio stesso che si trasforma in antifurto! Dunque i ladri dovrebbero spaccare la bicicletta per poterla rubare, col risultato che otterrebbero una bicicletta rotta non più utilizzabile! Questo dovrebbe scoraggiare potenziali “manoleste”.


Ecco come funziona: la parte inferiore del telaio è costituita da due bracci che possono aprirsi per poi essere bloccati dal tubo del sedile. In questo modo è possibile “aprire” in due la bicicletta, e richiuderla attorno a un palo o un albero. L’operazione è davvero veloce e richiede meno di un minuto, inoltre è molto meglio di un lucchetto e catena che oltre a sporcare le mani rovinano il telio della bici. Ma è più semplice a farsi che a dirsi, giuravate il breve video esplicativo:

Al momento esiste un unico prototipo di Yerka e i suoi ideatori stanno cercando fondi per costruirne di altri e lanciarli poi sul mercato! Le tempistiche previste sono circa 8 mesi e purtroppo ancora non si conosce il prezzo di quella che sembra essere la bicicletta che rivoluzionerà la vita di milioni di ciclisti!!

Nel frattempo i tre studenti stanno creando nuovi modelli di bici per diversificare la velocità, le caratteristiche tecniche ed il design. A noi Yerka piace molto, aspettiamo di trovarla sul mercato quanto prima, speriamo a un prezzo sostenibile. Fino ad allora, ciclisti: non lasciatevi scoraggiare dai furfanti, saltate in sella con i vostri cavi e lucchetti.. e occhi bene aperti!