Comunicazione di massa, forme d’arte in luoghi pubblici, tecniche innovative e creatività. Stiamo parlando della street art o arte urbana, opere artistiche in cui è possibile imbattersi passeggiando per le strade di città. Niente musei, gallerie d’arte o mostre per gli street artist perché il loro lavoro nasce per strada, dove assume significato proprio attraverso il contesto in cui si trova.

Dome – Karlsruhe, Germany

Solitamente il messaggio che vuole comunicare l’artista è rivolto ai cittadini o più in generale alla società, e grazie allo street art ciò avviene in modo non convenzionale, innovativo e sicuramente con grande impatto visivo.

Spesso gli street artist vogliono protestare, a volte semplicemente stimolare una riflessione evidenziando criticità sociali, far nascere un sorriso oppure rivendicare gli spazi pubblici come strade e piazze, contro la proprietà privata.

Bansky – Russia

Si può dire che si tratta di una forma di arte sociale, ne sono ottimi esempi le espressioni artistiche sul muro di Gaza o il murales creato a Milano per celebrare i 20 anni di libertà e democrazia in Sudafrica, che probabilmente prende forma dalla fusione della Pop Art degli anni ’50 e il successivo graffitismo degli anni ‘70/’80.
Le tecniche utilizzate sono le più disparate: dalla classica bomboletta spray agli stickers, stencil, fino ad arrivare alla proiezione di video o l’utilizzo della vegetazione urbana. Eccone alcuni esempi.

Bansky

Calk Art by David Zinn

Peter Gibson

Peter Gibson

Peter Gibson

Peter Gibson

Nemos

Pavel Puhov

Miha Artnak – Layers grass

Wild Drawing – Athens, Greece