Dai Mercatini di Natale del Trentino Alto Adige e delle maggiori località d’Italia a quelli della Svizzera, passando per quelli della Germania e della Francia, vi mostriamo oggi una galleria dei 10 Mercatini più antichi d’Europa. Un punto di incontro di culture e tradizioni in una magica atmosfera natalizia.

Dresda. il mercatino di Natale più famoso è conosciuto con il nome di Striezelmarkt ( lo Striezel è il pane natalizio tedesco, creato con farina, strutto, frutta secca e canditi) e si estende per un miglio, dando l’impressione di essere in un vero e proprio villaggio di Natale. Nella centrale Altmarkt Square svetta anche la piramide di Natale più alta del mondo (un carosello che misura 14 metri). La golosità da assaggiare è il Dresden Christstollen, il dolce da cui prende il nome il mercatino (un tempo era chiamato infatti Hefestriezel).

Strasburgo. Nasce nel 1570, ad oggi conta la presenza di 300 casette ricche di luci e decorazioni. Tra queste, la più importante è Chriskindelmarik, il cui nome significa il mercato di Gesù. Al centro vi è il grande albero di Natale, fondamentale per la tradizione popolare. Infatti, secondo una leggenda pare proprio che l’usanza di decorare l’albero sia nata qui.

Zurigo. Qui sono quattro i mercatini principali. Il mercatino di Natale alla Stazione Centrale è uno di questi dove è possibile ammirare l’Albero di Natale ricoperto di cristalli Swarowski. Il secondo mercatino si trova nel centro storico, dove i negozianti offrono cioccolatini che poi appendono sugli alberi. Il terzo mercatino è famoso per il coro dei bambini, che ogni pomeriggio si esibisce cantando canti natalizi. E infine, non molto distante dalla stazione centrale sorge l’ultimo mercatino, più recente dove è possibile gustare i formaggi Emmental.

Bolzano & Co. Bolzano, Vipiteno, Merano, Brunico e Bressanone sono i mercatini di Natale originali dell’Alto Adige. In ogni città l’atmosfera è diversa ma sempre magica. Le Officine del Natale insegnano come preparare lo zelten (il dolce tipico natalizio) o il Tirtlan (la frittella pusterese), come realizzare la corona dell’Avvento o un presepe e anche come lavorare il feltro. Il più spirituale dei mercatini altoatesini è quello di Bressanone con la sua tradizione dei presepi che dura da 800 anni.

Stoccolma. Il primo mercatino di Natale nasce nel 1891 e nel 1903 viene allestito il primo mercatino all’aperto. La giornata più importante è il 13 dicembre, in cui si celebra Santa Lucia. Nella cattedrale si dà il via a cori tradizionali e celebrazioni in suo onore. Nella città tra i mercatini più importanti ricordiamo: il mercatino di Skansen, non molto grande, ma dove è possibile gustare tantissimi prodotti tipici.

Copenaghen. Nel periodo di natale, è avvolta da una magia natalizia incredibile. I Giardini di Tivoli sono il cuore natalizio della città. Tra bancarelle, luci di Natale, un grande albero decorato ed i biscotti tradizionali è facile perdersi e rimanere innamorati di questa splendida città.

Liegi. Risulta essere il più grande e il più antico del Paese. Sono 200 gli chalet che possono essere visitati. Qui è possibile trovare le palle di vetro, un’esposizione di presepi con statue che superano il metro e mezzo e una pista per gli slittini. I più caratteristici sono: lo Chalet de la Gruyere, la Maison ardennaise, la Maison du Peket e lo Chalet “Au pied des pistes”.

Praga. Il mercatino più tradizionale si trova in piazza della Città Vecchia dove è possibile assaggiare il pane al miele (pernièky), riscaldarsi con un punch bollente, comprare cristalli di Boemia e giocattoli in legno. Allo scoccare di ogni ora, alzando la faccia verso il cielo, si vedono i 12 apostoli in fila che escono dall’Orologio astronomico della Torre del Municipio mentre le campane suonano.

Vienna. La serie di casette è avvolta dal profumo del pan di zenzero, della cannella e delle mandorle tostate. Il mercatino si trova in Piazza del Municipio dove è possibile ammirare un grandissimo albero di Natale alto 30 metri.

Norimberga. L’inaugurazione in Piazza del Mercato vede un angelo di Natale, collocato sulla balconata della Chiesa di Nostra Signora e dà inizio ai mercatini. Ogni settimana l’angelo racconta una fiaba ai bambini. Sono 180 i mercatini e tutti decorati con un panno rosso e nero. Qui, è possibile acquistare i prodotti tipici, tra cui le salsicce di Norimberga.