Questo articolo, quinto della rubrica “La Bibbia, strumento per la realtà”, è stato pubblicato a firma di Maurizio Teani SJ – Preside della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna – su Aggiornamenti sociali, rivista di gesuiti che da oltre sessant’anni affronta gli snodi cruciali della vita sociale, politica ed ecclesiale articolando fede cristiana e giustizia. Offre strumenti per orientarsi in un mondo in continuo cambiamento, con un approccio interdisciplinare e nel dialogo tra azione e riflessione sociale. È frutto del lavoro di una équipe redazionale composta da gesuiti e laici delle sedi di Milano e di Palermo e di un ampio gruppo di collaboratori qualificati. Aggiornamenti Sociali fa parte della rete delle riviste e dei Centri di ricerca e azione sociale dei gesuiti in Europa (Eurojess), e della Federazione «Jesuit Social Network-Italia Onlus»

Vi proponiamo un estratto dell’articolo. Qui lo potete leggere integralmente.

“La Bibbia, strumento per la realtà” è una rubrica che si prefigge due obiettivi. Scopriteli leggendo qui.


Riposo durante la fuga in Egitto, Nicolas Poussin,1655

 

Il verbo entrare, unitamente ai verbi connessi uscire e camminare, fa parte dello specifico schema letterario dell’esodo (cfr Spreafico A., Esodo. Memoria e promessa, EDB, Bologna 1985), attraverso cui vengono illustrate le tre dimensioni fondamentali che contrassegnano il passaggio dalla terra della schiavitù (uscita dall’Egitto) alla terra della libertà (ingresso in Canaan), passando per il lungo cammino nel deserto.[…]La dinamica dell’uscire ed entrare riveste nella Scrittura una particolare rilevanza antropologica, e una forte valenza simbolica christine hiemstra phd thesis . Si rimanda, infatti, all’esperienza connessa all’attraversare una soglia, al passare da una determinata posizione ad un’altra.[…]

 

La fatica a uscire e ad entrare

La carica simbolica del verbo entrare trova espressione in modo particolarmente efficace nel primo capitolo del Deuteronomio. Il libro si presenta come una serie di discorsi solenni che Mosè, prima del passaggio del Giordano, rivolge agli israeliti nell’intento di spingerli a fare memoria degli eventi passati (esodo e cammino nel deserto) perché siano in grado di riappropriarsi del senso della storia che hanno vissuto. Nel primo di questi, Mosè ricorda l’ordine dato da Dio di entrare nella terra di Canaan (Io vi ho posto la terra dinanzi, entrate… Deuteronomio 1, 8 ) e di salire nel territorio degli amorrei, una delle popolazioni che abitavano nella terra di Canaan (Il Signore ti ha posto la terra dinanzi, sali… 1, 21).

Deuteronomio 1, 21-28 21

«Ecco, il Signore, tuo Dio, ti ha posto la terra dinanzi: entra, prendine possesso, come il Signore, Dio dei tuoi padri, ti ha detto; non temere e non ti scoraggiare!». 22 Voi tutti vi accostaste a me e diceste: «Mandiamo innanzi a noi uomini che esplorino la terra e ci riferiscano sul cammino per il quale dovremo procedere e sulle città nelle quali dovremo entrare». 23 La proposta mi piacque e scelsi dodici uomini tra voi, uno per tribù. 24 Quelli si incamminarono, salirono verso i monti, giunsero alla valle di Escol ed esplorarono il paese. 25 Presero con le loro mani dei frutti della terra, ce li portarono e ci fecero questa relazione dicendo: «Buona è la terra che il Signore, nostro Dio, sta per darci». 26 Ma voi non voleste entrarvi e vi ribellaste all’ordine del Signore, vostro Dio; 27 mormoraste nelle vostre tende e diceste: «Il Signore ci odia, per questo ci ha fatto uscire dalla terra d’Egitto per darci in mano agli amorrei e sterminarci. 28 Dove possiamo andare noi? I nostri fratelli ci hanno scoraggiati dicendo: Quella gente è più grande e più alta di noi, le città sono grandi e fortificate fino al cielo; abbiamo visto là perfino dei figli degli anakiti» search phd thesis online .

Subito dopo aver richiamato il comando del Signore, Mosè si ferma sulla reazione degli israeliti. Fin dall’inizio non appaiono entusiasti di prendere possesso di questa terra. Sono titubanti e chiedono di inviare degli esploratori, che tornano riferendo della bontà della terra donata da Dio. Malgrado ciò, gli israeliti si rifiutano di entrare in Canaan custom house essay hawthorne . La terra promessa, infatti, si presenta come una realtà ambigua: da una parte appare ospitale, piena di frutti eccellenti; ma, dall’altra, è percepita come minacciosa, popolata da gente agguerrita e potenzialmente ostile. Questa terra è metafora della vita. È dono di Dio, come riferito dagli esploratori e come attestato ripetutamente dal testo biblico. Ma bisogna aggiungere: è un dono problematico. Il senso (positivo) della vita, come la bontà della terra, non è di immediata evidenza. I dati, presi in se stessi, nella loro mera fattualità, si presentano come contraddittori e orientano verso due interpretazioni contrastanti. C’è chi si pronuncia per la bontà della vita e chi la considera alla stregua di una condanna a morte, come fanno gli israeliti, posti di fronte alle difficoltà del cammino verso la terra di Canaan: Il Signore ci odia, per questo ci ha fatto uscire dalla terra d’Egitto per darci in mano agli amorrei e sterminarci (1, 27). La situazione presentata nel primo capitolo del Deuteronomio ha così valore paradigmatico: descrive un’esperienza universale. Che essa rifletta una problematica comune a ogni essere umano è confermato dal fatto che costituisce un motivo ricorrente anche nei libri dell’Esodo […].È significativo che […] ritorni l’interrogativo sul senso dell’uscita dall’Egitto, il che non significa altro che misurarsi con l’interrogativo (universale) sul senso del venire al mondo. L’esodo, infatti, può essere visto come «il grande parto di Israele» (Ravasi G research papers computer science ., Esodo e Giobbe, EDB, Bologna 1985, 5), dato che il verbo uscire è il verbo tecnico della nascita (rimanda all’uscita dal seno materno) how to write an essay for scholarships . Si esce dal ventre (dell’Egitto/ della madre) per entrare nel mondo. Tale passaggio è accompagnato da una promessa di vita e di felicità, la cui affidabilità viene immancabilmente messa in questione dalle vicende che segnano l’esistenza concreta.[…] (Nell’Esodo) puntualmente si ripropone la stessa domanda: perché uscire dall’Egitto per morire nel deserto? Detto in altri termini: perché uscire dal grembo per entrare in un mondo ostile?

Fiducia per poter entrare

Quale soluzione è possibile di fronte a tale domanda radicale? Tra i testi appena citati, quello di Numeri 14 sembra poter avviarci a una possibile risposta.

Numeri 14, 2-9 2

Tutti gli Israeliti mormorarono contro Mosè e contro Aronne e tutta la comunità disse loro: «Fossimo morti in terra d’Egitto o fossimo morti in questo deserto! 3 E perché il Signore ci fa entrare in questa terra per cadere di spada? Le nostre mogli e i nostri bambini saranno preda. Non sarebbe meglio per noi tornare in Egitto?». 4 Si dissero l’un l’altro: «Su, diamoci un capo e torniamo in Egitto». 5 Allora Mosè e Aronne si prostrarono con la faccia a terra dinanzi a tutta l’assemblea della comunità degli Israeliti persuasive essay of all quiet on the western front . 6 Giosuè, figlio di Nun, e Caleb, figlio di Iefunnè, che erano stati tra gli esploratori della terra, si stracciarono le vesti 7 e dissero a tutta la comunità degli Israeliti: «La terra che abbiamo attraversato per esplorarla è una terra molto, molto buona. 8 Se il Signore ci sarà favorevole, ci introdurrà in quella terra e ce la darà: è una terra dove scorrono latte e miele. 9 Soltanto, non vi ribellate al Signore e non abbiate paura del popolo della terra, perché ne faremo un boccone; la loro difesa li ha abbandonati, mentre il Signore è con noi how do i start my narrative essay . Non ne abbiate paura».

In questo testo ritornano puntualmente le lamentele degli israeliti. Ma con una novità rilevante: adesso tramano di tornare in Egitto, nella terra dove erano schiavi, ma avevano il cibo assicurato. Questo impulso prepotente a tornare indietro nasce dalla paura di affrontare i rischi e i pericoli del cammino verso la terra della libertà.[…] Di fronte alla complessità e alle oscurità dell’esistenza, si tende a ricreare le condizioni rassicuranti […]. Si cerca di difendersi dalla realtà percepita come ostile, rinchiudendosi in un mondo ovattato. Risultato: per paura di morire si rinuncia a vivere! Il fatto è che non si può entrare nella vita senza affrontare la minaccia della morte. Ma per assumere positivamente tale rischio, è necessaria la “fede”, innanzitutto quella fede elementare che si configura come atto di fiducia fondamentale nella vita stessa. Una fede che nella Scrittura diventa fiducia in e affidamento a una Presenza che accompagna e sostiene ciascuno nel suo cammino, come fa un padre nei confronti del proprio figlio. È quanto ripete qui Giosuè o ha ripetuto più volte Mosè (cfr Deuteronomio 1, 29-31 e Esodo 14, 13-14): Non spaventatevi e non abbiate paura byrdie renik dissertation . La consapevolezza di essere stato voluto e chiamato all’esistenza da Dio, è ciò che sostiene la fiducia di Israele nel momento stesso in cui sperimenta la paura di morire.[…] L’appello a entrare con fiducia nella vita è rivolto a ogni uomo e donna. Su tutti, infatti, incombe la tentazione di tornare indietro, di chiudersi e difendersi a oltranza nei confronti di un mondo che appare minaccioso. L’ordine di entrare, con una diversa accentuazione, è presente anche in un altro famoso racconto. A Noè infatti Dio ordina: Entra nell’arca (Genesi 7, 1). La lunga narrazione del diluvio (Genesi 6, 5-9, 17) si apre con la descrizione, che si prolunga per tutto il capitolo 6, della condizione in cui versa la terra prima del diluvio buy an english paper . Due volte viene rimarcato come questa risulti piena di violenza (6, 11.13) e irrimediabilmente corrotta (6, 11.12). La violenza – scatenata dalla cupidigia, come illustra il racconto di Caino e Abele (4, 1-16) – si moltiplica nei primi capitoli di Genesi con progressione geometrica, fino ad arrivare a occupare interamente la terra. In tal modo si innesca un processo di corruzione della vita, che porta alla sua inevitabile distruzione. Di fronte a questa situazione ormai insostenibile, Dio interviene decretando la fine di ogni carne (6, 13), cioè di ogni essere vivente. Tale decisione non ha niente di arbitrario. Con essa Dio fa emergere in modo incontrovertibile la forza devastante di quel processo di corruzione, che è già in atto nel mondo a causa della violenza dell’umanità corrotta. Del resto, l’intento divino non è quello di procurare una distruzione fine a se stessa, ma operare un radicale rinnovamento della terra. Dio, appena decretata la sua totale distruzione, ordina a Noè di costruire l’arca (6, 14), la quale permetterà permetterà di salvare ogni carne (6, 19). Il diluvio può essere così letto nell’ottica teologica della liberazione dalla schiavitù d’Egitto: è visto come il grande esodo che coinvolge ogni carne. Viene fortemente rimarcata la necessità per l’umanità intera di passare attraverso un cambiamento sostanziale. Ma perché ciò si realizzi è indispensabile entrare nell’arca, come evidenzia l’ordine che riceve Noè.[…] Così, l’appello pressante dei nostri testi è proprio quello di uscire da un mondo dominato dalla bramosia e dalla violenza, che riduce tutto e tutti a oggetto da manipolare a proprio vantaggio, per entrare in un modo alternativo di rapportarsi agli altri e alle cose.

 

Una dinamica sempre presente

Dai testi presi in esame, risulta che umani si diventa attraverso un itinerario che comporta un uscire e un entrare. E questo secondo un duplice movimento. Si tratta, innanzitutto, di uscire da tutti i luoghi protetti in cui ci si rinchiude in cerca di (illusoria) sicurezza, per entrare con una fiducia di fondo nello spazio aperto del mondo, accettando di misurarsi con le conflittualità e le oscurità della storia. Questo decisivo esodo di liberazione da ogni ambito che schiavizza si deve poi tradurre nella presa di distanza dalla logica della cupidigia, generatrice di violenza, per entrare in una nuova rete di relazioni, segnata dalla logica del rispetto e del dono. Abbiamo visto quanto ciò sia vero a livello individuale. Vale la pena tuttavia sottolineare anche la portata sociologica della dinamica, descritta non a caso nella Bibbia, come una dinamica di popolo. Si parla spesso, di questi tempi, di uscire dalla crisi, senza tuttavia mai specificare bene quali siano le prospettive insite all’entrare, né verso quali “terre”, verso quali luoghi si è chiamati ad andare. La facile analogia fra la crisi che stiamo attraversando e il deserto del popolo di Israele, avendo alle spalle un certo “Egitto” (un certo modello finanziario e di relazioni industriali capitalistiche e consumistiche, un individualismo sfrenato che ci ha schiavizzati al punto da lasciarci in una situazione di sfiancamento, ecc.), può ben farci guardare a questa stagione come alla promessa di un ingresso in una nuova terra essay about leadership and service . Tuttavia non bisogna sottovalutare la fatica insita a ogni dinamica di uscire ed entrare, come si è cercato di illustrare sopra. Ciò che si vede nella “nuova terra” ha spesso il volto dell’inimicizia, bene descritto dalla lamentela degli israeliti di Deuteronomio 1, 27-28: Il Signore ci odia, per questo ci ha fatto uscire dalla terra d’Egitto per darci in mano agli amorrei e sterminarci. Dove possiamo andare noi? I nostri fratelli ci hanno scoraggiati dicendo: Quella gente è più grande e più alta di noi, le città sono grandi e fortificate fino al cielo; abbiamo visto là perfino dei figli degli anakiti, popolo di statura proverbialmente gigantesca. Così è facile che la paura e la mancanza di fiducia paralizzino, e ci si rifugi in una nostalgia delle strutture economiche, lavorative e strutturali del passato che ci ha condotto a questa situazione 10 best resume writing service sales . Solo guardando con fiducia al futuro sarà possibile entrare in una nuova fase economica e politica che aiuti a giungere a un nuovo benessere sostenibile per tutti.

 

di Maurizio Teani SJ 

Preside della Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna