Siamo giunti all’85esima edizione dei premi cinematografici più ambiti dell’anno, cerimonia tenutasi  a Los Angeles nella notte fra il 24 e il 25 febbraio. Presentato dall’irriverente Seth McFarlane, il festival di quest’anno è stato caratterizzato da un sostanziale equilibrio nell’assegnazione dei premi: il film con più statuette è stato Vita di Pi, che svetta sorprendentemente sul plurinominato Lincoln (solo due statuette su 12 possibili).

Da segnalare innanzitutto un record, ossia la conquista del terzo Oscar da attore protagonista per Daniel Day-Lewis, impresa mai successa a nessuno. Il premio per Lincoln segue le sue precedenti conquiste ne Il mio piede sinistro (1989) e ne Il Petroliere (2007). Importante è anche la vittoria del secondo Oscar in quattro anni da parte di Christoph Waltz per il miglior attore non protagonista, sempre al fianco di Tarantino. Proprio quest’ultimo si aggiudica la statuetta per Miglior sceneggiatura originale, arrivando a bissare quella ottenuta 18 anni prima per Pulp Fiction in condivisione con Roger Avary. Nessun’Oscar per Lo Hobbit così come per Frankenweenie di Tim Burton, mentre la statuetta di Miglior Film va ad Argo di Ben Affleck, dopo averla vinta in coabitazione con Matt Damon nel 1998 per Will Hunting – Genio Ribelle. Il miglior regista è Ang Lee, che va a sconfiggere il pronosticato vincitore Steven Spielberg. Miglior Canzone è Skyfall di Adele.

 … ma vediamo chi ha vinto: di seguito l’elenco delle nomination per ciascuna categoria, con in testa il vincitore dell’Oscar!

 

Miglior film

Argo, regia di Ben Affleck

Django Unchained, regia di Quentin Tarantino

Il lato positivo, regia di David O. Russell

Lincoln, regia di Steven Spielberg

Les Misérables, regia di Tom Hooper

Re della terra selvaggia , regia di Benh Zeitlin

Vita di Pi , regia di Ang Lee

Zero Dark Thirty, regia di Kathryn Bigelow

Amour, regia di Michael Haneke

Miglior regia

Ang Lee – Vita di Pi

Michael Haneke – Amour

David O. Russell – Il lato positivo

Steven Spielberg – Lincoln

Benh Zeitlin – Re della terra selvaggia

Miglior attore protagonista

Daniel Day-Lewis – Lincoln

Bradley Cooper – Il lato positivo

Hugh Jackman – Les Misérables

Joaquin Phoenix – The Master

Denzel Washington – Flight

Miglior attrice protagonista

Jennifer Lawrence – Il lato positivo

Jessica Chastain – Zero Dark Thirty

Emmanuelle Riva – Amour

Quvenzhané Wallis – Re della terra selvaggia

Naomi Watts – The Impossible

Miglior attore non protagonista

Christoph Waltz – Django Unchained

Alan Arkin – Argo

Robert De Niro – Il lato positivo

Philip Seymour Hoffman – The Master

Tommy Lee Jones – Lincoln

Migliore attrice non protagonista

Anne Hathaway – Les Misérables

Amy Adams – The Master

Sally Field – Lincoln

Helen Hunt – The Sessions – Gli incontri

Jacki Weaver – Il lato positivo

Migliore sceneggiatura originale

Quentin Tarantino – Django Unchained

Wes Anderson e Roman Coppola – Moonrise Kingdom – Una fuga d’amore

Mark Boal – Zero Dark Thirty

John Gatins – Flight

Michael Haneke – Amour

Miglior sceneggiatura non originale

Chris Terrio – Argo

Lucy Alibar e Benh Zeitlin – Re della terra selvaggia

Tony Kushner – Lincoln

David Magee – Vita di Pi

David O. Russell – Il lato positivo

Miglior film straniero

Amour, regia di Michael Haneke (Austria)

Kon-Tiki, regia di Joachim Roenning, Espen Sandberg (Norvegia)

No, regia di Pablo Larraín (Cile)

A Royal Affair (En kongelig affære), regia di Nikolaj Arcel (Danimarca)

War Witch (Rebelle), regia di Kim Nguyen (Canada)

Miglior film d’animazione

Ribelle – The Brave, regia di Mark Andrews e Brenda Chapman

Frankenweenie, regia di Tim Burton

ParaNorman, regia di Sam Fell e Chris Butler

Pirati! Briganti da strapazzo, regia di Peter Lord e Jeff Newitt

Ralph Spaccatutto, regia di Rich Moore

Migliore fotografia

Claudio Miranda – Vita di Pi

Roger Deakins – Skyfall

Janusz Kaminski – Lincoln

Seamus McGarvey – Anna Karenina

Robert Richardson – Django Unchained

Miglior design (scenografia)

Rick Carter e Jim Erickson – Lincoln

Sarah Greenwood e Katie Spencer – Anna Karenina

David Gropman e Anna Pinnock – Vita di Pi

Dan Hennah, Ra Vincent e Simon Bright – Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato

Eve Stewart e Anna Lynch-Robinson – Les Misérables

Miglior montaggio

William Goldenberg – Argo

Jay Cassidy e Crispin Struthers – Il lato positivo

Michael Kahn – Lincoln

Tim Squyres – Vita di Pi

Dylan Tichenor e William Goldenberg – Zero Dark Thirty

Migliore colonna sonora

Mychael Danna – Vita di Pi

Alexandre Desplat – Argo

Dario Marianelli – Anna Karenina

Thomas Newman – Skyfall

John Williams – Lincoln

Migliore canzone

Skyfall, musica e parole di Adele Adkins e Paul Epworth – Skyfall

Before My Time, musica e parole di J. Ralph – Chasing Ice

Everybody Needs A Best Friend, musica e parole di Walter Murphy e Seth MacFarlane – Ted

Pi’s Lullaby, musica e parole di Mychael Danna e Bombay Jayashri – Vita di Pi

Suddenly, musica e parole di Claude-Michel Schönberg, Herbert Kretzmer e Alain Boublil – Les Misérables

Migliori effetti speciali

Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan De Boer e Donald R. Elliott – Vita di Pi

Joe Letteri, Eric Saindon, David Clayton e R. Christopher White – Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato (The Hobbit: An Unexpected Journey)

Cedric Nicolas-Troyan, Philip Brennan, Neil Corbould e Michael Dawson – Biancaneve e il cacciatore

Janek Sirrs, Jeff White, Guy Williams e Dan Sudick – The Avengers

Richard Stammers, Trevor Wood, Charley Henley e Martin Hill – Prometheus

Miglior sonoro

Les Misérables – Andy Nelson, Mark Paterson e Simon Hayes

Argo – John Reitz, Gregg Rudloff e Jose Antonio Garcia

Lincoln – Andy Nelson, Gary Rydstrom e Ronald Judkins

Skyfall – Scott Millan, Greg P. Russell e Stuart Wilson

Vita di Pi – Ron Bartlett, D.M. Hemphill e Drew Kunin

Miglior montaggio sonoro

Skyfall – Per Hallberg e Karen Baker Landers

Argo – Erik Aadahl e Ethan Van der Ryn

Django Unchained – Wylie Stateman

Vita di Pi – Eugene Gearty e Philip Stockton

Zero Dark Thirty – Paul N.J. Ottosson

Migliori costumi

Anna Karenina – Jacqueline Durran

Biancaneve – Eiko Ishioka

Biancaneve e il cacciatore – Colleen Atwood

Lincoln – Joanna Johnston

Les Misérables – Paco Delgado

Miglior trucco e acconciatura

Les Misérables – Lisa Westcott e Julie Dartnell

Hitchcock – Howard Berger, Peter Montagna e Martin Samuel

Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato – Peter Swords King, Rick Findlater e Tami Lane

Miglior documentario

Searching for Sugar Man, regia di Malik Bendjelloul

5 Broken Cameras, regia di Emad Burnat e Guy Davidi

The Gatekeepers, regia di Dror Moreh

How to Survive a Plague, regia di David France

The Invisible War, regia di Kirby Dick

Miglior cortometraggio documentario

Inocente, regia di Sean Fine e Andrea Nix Fine

Kings Point, regia di Sari Gilman

Mondays at Racine, regia di Cynthia Wade

Open Heart, regia di Kief Davidson

Redemption, regia di Jon Alpert e Matthew O’Neill

Miglior cortometraggio

Curfew, regia di Shawn Christensen

Asad, regia di Bryan Buckley

Buzkashi Boys, regia di Sam French

Death of a Shadow, regia di Tom Van Avermaet

Henry, regia di Yan England

Miglior cortometraggio d’animazione

Paperman, regia di John Kahrs

Adam and Dog, regia di Minkyu Lee

Fresh Guacamole, regia di PES

Head over Heels, regia di Timothy Reckart

The Simpsons: The Longest Daycare, regia di David Silverman