La prognosi, visti i progressi degli ultimi mesi, era buona. Certo, le pagine di questo diario ne risentivano, le liste degli acquisti piangevano miseria, ma la via per la guarigione pareva imboccata. Tanto che (true story) il mio negoziante di dischi preferito mi aveva chiamato al telefono per sapere se stavo bene, che era un paio di...